Gli agenti della Polfer ritrovano il proprietario e restituiscono la refurtiva

0
50
Gli agenti della Polfer

FOLIGNO – A metà novembre un capotreno di Trenitalia, in servizio a bordo di un
treno della tratta Firenze–Foligno, aveva richiesto l’intervento degli Agenti della
Polfer per due viaggiatori privi di titolo di viaggio che lo avevano minacciato.
I poliziotti erano giunti rapidamente all’individuazione dei responsabili del
fatto, due cittadini tunisini di 21 e 26 anni già noti alle Forze di Polizia,
residenti nel comprensorio perugino e di passaggio nello scalo folignate
provenienti da Perugia.

Alla vista degli Agenti, prontamente intervenuti, i due si erano dati a
precipitosa fuga, travolgendo uno degli operatori che, fortunatamente, non
aveva riportato lesioni.
Inoltre, a seguito di perquisizione, uno dei due giovani era stato trovato
in possesso di un tagliacarte lungo 26 centimetri, nonché di vari oggetti
(targhe commemorative, un tagliacarte, un fermasoldi, alcune medaglie
celebrative e monete antiche), che venivano sequestrati.

I due tunisini erano stati pertanto denunciati all’Autorità Giudiziaria, in
stato di libertà, per porto abusivo di oggetti atti ad offendere, ricettazione,
rifiuto di fornire le proprie generalità, oltraggio, resistenza e minacce a
Pubblico Ufficiale.

I successivi accertamenti svolti dalla Polfer sulle denunce sporte nei mesi
scorsi, hanno infine permesso di rintracciare la vittima del furto, compiuto nel
luglio scorso a Foligno, che ha riconosciuto la refurtiva potendo quindi
rientrarne in possesso.
Si tratta di oggetti che hanno un valore affettivo che supera quello
economico.

Il collezionista ha ringraziato gli Agenti per l’attività svolta, spiegando
loro che aver ritrovato i suoi averi ha significato “essere tornato in possesso di
un pezzo importante dei ricordi personali legati a positive esperienze di vita” e
gli ha permesso di superare il trauma del furto subito.
Proseguono le attività investigative volte a verificare se i due stranieri
denunciati siano responsabili di ulteriori azioni delittuose nella zona di Foligno.

Redazione