Volley, Sir Safety Susa Perugia sul tetto del mondo!

0
752

Storica impresa in Brasile per gli uomini di coach Anastasi. Battuta Trento nella finale del Mondiale per Club

di Matteo Bianchini

18.22 di domenica 11 dicembre 2022, ora locale di Betim – Brasile. Resterà per sempre nella memoria di Perugia e dell’Umbria l’ultimo pallone schiacciato a terra da Flavio Gualberto, brasiliano ex bandiera del Minas, che ha consegnato alla Sir Safety Susa Perugia il primo trofeo internazionale della sua storia ed anche il più prestigioso, quello che concede il titolo di club più forte del mondo di volley del 2022.

Flavio Gualberto (Sir)

Un’impresa storica che ha coronato una settimana perfetta in cui gli uomini di coach Andrea Anastasi hanno chiuso il proprio girone al primo posto battendo due team locali come il Volei Renata ed i pluricampioni padroni di casa del Sada Cruzeiro per poi superare il Minas nelle semifinali e ritrovarsi ad affrontare nell’attesa finale gli storici rivali del Trento in un vero e proprio derby italiano. Una partita che evocava brutti ricordi per alcune beffe del passato sia a livello nazionale sia di Champions League europea e che i ragazzi della Sir hanno invece sfatato in un colpo solo in un pomeriggio che ha presentato anche attimi di grande tensione con un primo set perso 25-20 ma subito riscattato con un 25-23 contraddistinto qualche brivido di troppo dopo aver raggiunto anche i sei punti di vantaggio.

Jesus Herrera Jaime (Sir)

Da cardiopalma il terzo set, in questo caso con Perugia ad inseguire Trento che manteneva un vantaggio costante fino al 18-14 prima del gran finale umbro che portava al 23-23, l’istante in cui si è giocato probabilmente il punto più simbolico del mondiale e che rimarrà per sempre impresso nella mente degli appassionati con un salvataggio epico di Jesus ‘Zurdo’ Herrera e conseguente muro di Roberto Russo che trasformavano il 24-23 praticamente già segnato da Trento in un vantaggio Sir che vinceva poi il set per 27-25…

La festa della Sir

A quel punto il forte contraccolpo psicologico nel team trentino spianava la strada a Perugia che chiudeva 25-19 un quarto set sempre condotto con sicurezza andandosi a prendere il primo meritato titolo internazionale della sua storia ed il titolo di MVP del torneo con Simone Giannelli. Una storia che, come ha ricordato un felicissimo presidente Gino Sirci nel post partita, era cominciata venti anni fa dalla serie C a Bastia Umbra per poi scalare tutte le classifiche e le categorie nazionali fino ad arrivare nell’olimpo del volley mondiale: “Questo è uno dei giorni più belli della nostra vita – ha commentato il massimo dirigente intervistato dal canale youtube della Sir – perché ci sentiamo realizzati. Questo significa che se vuoi determinate cose allora riesci a farle e oggi siamo la squadra più forte del mondo.”

Andrea Anastasi e Gino Sirci (Sir)

Un trofeo dedicato all’intera Umbria con i tifosi, le persone e le aziende, quasi tutte locali, che hanno creduto nel progetto: “Questa è la vittoria di una regione piccola ma laboriosa che vuole sostenere uno sport che la identifichi e lo ha fatto con la pallavolo, una delle discipline più seguite e praticate al mondo.”

Tabellino Perugia vs Trento (diretta.it)

La Sir, dopo aver già vinto anche la Supercoppa Italiana 2022, tornerà ora in campo mercoledì 14 dicembre al PalaBarton, dove sarà festeggiata dai propri tifosi, contro i turchi del Ziraat Bankasi nel girone E che sta guidando in Champions League per poi rituffarsi nella SuperLega del campionato italiano al momento dominato con 11 vittorie in 11 partite. Il primo trionfo mondiale umbro ha riportato così in Centro Italia l’ambito trofeo dopo l’affermazione dei marchigiani della Lube Volley sempre a Betim contro il Sada Cruzeiro nel 2019.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Il da fare” di Giorgia
Articolo successivoAggiungi un verme a tavola
Nato a Sanremo (Imperia) si è laureato in Geografia all’Università di Genova ed ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze Biologiche all'Università di Perugia. Tecnico e dirigente di associazioni sportive in Liguria, è originario per via paterna di un piccolo borgo dei Monti Sibillini e risiede per gran parte dell'anno in Umbria. Collaboratore del Perugia Free Press dal 2009, si occupa di temi socio-politici con una particolare attenzione all'altro lato, quello nascosto o volutamente sottaciuto, dei fatti di cronaca non solo locale. Collabora con lo studio giornalistico Consulpress nel web content management. Ha esperienza come consulente web development e account.