PERUGIA ASSISI – La famiglia di Raffaella Presta partecipa alla Marcia della Pace

0
383

Gemma Paola Bracco: “Tutti uniti contro i femminicidi, punta dell’iceberg della violenza contro donne”

PERUGIA – Ci sarà anche la famiglia di Raffaella Presta, la giovane professionista e mamma, uccisa barbaramente dal marito il 25 novembre dello scorso anno, ad aprire il corteo della Marcia della Pace e della Fraternità Perugia-Assisi che si terrà domenica prossima, 9 ottobre. I genitori e la sorella gemella della povera Raffaella, arriveranno dalla Puglia per marciare a fianco delle donne e degli uomini che con la loro presenza testimonieranno contro la violenza di genere.

Gemma Paola Bracco, consigliera di Parità della Provincia di Perugia e Flavio Lotti, coordinatore della “Marcia” e Direttore della Tavola per la Pace, durante una conferenza stampa, hanno sottolineato come sia indispensabile non abbassare la guardia su questa piaga sociale di cui il cosiddetto femminicidio rappresenta soltanto la punta di un iceberg.

L’invito è quello di ripensare ai rapporti tra le persone ponendo al primo posto l’ascolto e il rispetto partendo proprio da chi è più vicino a noi affinché la casa torni ad essere il luogo più sicuro per tutti noi e non, come troppo spesso capita ora, il più pericoloso. Una partecipazione che vuole quindi rimettere al centro dell’attenzione i temi della non violenza che ispirarono l’ideatore della Marcia della Pace Perugia-Assisi, Aldo Capitini

Durante la “Marcia” sarà distribuito il documento stilato dal gruppo di lavoro nato intorno all’iniziativa promossa dalla Consigliera di Parità Bracco e che vede fortemente impegnati il Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, il Centro Regionale Pari Opportunità; Donne Contro la Guerra, Gylania, Il Coraggio della Paura, l’Albero di Antonia, Margot, Progetto Donna, RAV (Rete Antiviolenza) Società delle Estranee; Soggetto Donna, Adisu, Cgil, Cisal e Fidapa.

Redazione