Tennis, grande show a Sanremo per il perugino Francesco Passaro

0
163

Dopo aver eliminato avversari del calibro di Ernests Gulbis e dell’idolo di casa Gianluca Mager il giovane atleta umbro è arrivato ad un passo dalla vittoria del torneo challenger della città dei fiori cedendo 6-4 al terzo set della finale contro il talento danese Holger Rune…

Inviato Matteo Bianchini

Settimana di grande tennis a Sanremo per il ritorno, dopo 12 anni, del torneo challenger che aveva visto in passato le vittorie di giovanissimi atleti poi divenuti campioni come Novak Djokovic ma anche di esperti giocatori quali Gaston Gaudio e Kevin Anderson.

Sui campi in terra rossa dello storico ‘Tennis and Bridge Club’ del quartiere Foce si sono quindi affrontati in partite di doppio e singolare alcuni nomi già affermati del circuito internazionale e numerose giovani promesse fra le quali ha particolarmente colpito il talento del perugino classe 2001 Francesco Passaro che ha raggiunto la finale nel torneo singolare e la semifinale nel doppio in compagnia dell’atleta di casa Matteo Arnaldi. Una settimana straordinaria quella di Passaro che ha eliminato nelle qualificazioni un campione del calibro di Ernests Gulbis, lettone già numero 10 del mondo nel 2014, per poi raggiungere set dopo set la semifinale nella quale ha compiuto un autentico capolavoro contro il talento locale Gianluca Mager, lo scorso anno numero 62 del ranking ATP, superato con il perentorio risultato di 6-1 6-1.

Arrivato così alla finale l’atleta umbro dello Junior Tennis Perugia si è ritrovato opposto all’ancor più giovane talento danese Holger Rune classe 2003 e numero 79 del mondo. In un campo centrale che ha fatto registrare per tutta la settimana un pubblico da record Passaro ha ceduto per 6-1 il set iniziale alla testa di serie numero 1 del torneo prima di offrire un grande spettacolo nel secondo set strappando per diverse volte il servizio a Rune ed imponendosi per 6-2. Nel terzo e decisivo set, sostenuto dal pubblico locale, Passaro si è portato sul 4-2 giocandosi sul 30-40 la palla break del 5-2, un punteggio che gli avrebbe consentito di servire poi per il match. Proprio nel momento più difficile, apparentemente colpito anche da guai fisici che lo avevano indotto ad allungare una pausa di gioco, Rune ha però saputo portarsi sul 3-4 prima di inanellare una serie decisiva di games che gli hanno permesso di imporsi per 6-4.

Dopo qualche piccolo rimpianto per l’occasione sfumata sono arrivati quindi numerosi e calorosi i complimenti nei confronti dell’atleta umbro autore di una prestazione che è stata ancor più apprezzata quando in serata da Monaco è giunta la notizia della facile vittoria sull’ex numero 39 del mondo Radu Albot da parte dello stesso Rune corso immediatamente nel vicino Principato dopo la finale del challenger sanremese per partecipare alle qualificazioni del celebre torneo ATP di Montecarlo in una giornata rocambolesca che lo ha visto faticare molto di più nel battere, da riposato, il talento perugino rispetto all’esperto moldavo nel successivo match monegasco.

L’appuntamento ligure, che ha visto come spettatori d’eccezione fra i campi della Foce anche l’altro campione di casa Fabio Fognini e lo scrittore sanremese Romano Lupi, si è chiuso così con i complimenti agli organizzatori del Tennis Club Sanremo ed i saluti delle autorità locali col sottofondo rombante delle macchine del celebre rally, altra grande manifestazione che si è svolta proprio nella stessa settimana dell’evento tennistico. Francesco Passaro sarà ora impegnato al torneo di Barletta, un altro challenger su terra rossa in cui potrà mettere in mostra il suo talento e scalare ulteriormente il ranking ATP che dopo Sanremo gli ha visto fare un sontuoso balzo in avanti di 139 posizioni fino al numero 354 del mondo…

CONDIVIDI
Articolo precedenteDavos o… prendos?
Articolo successivoMusica, esordio di grande successo per l’artista umbra Maria Cristina Mancini
Nato a Sanremo (Imperia) si è laureato in Geografia all’Università di Genova ed ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze Biologiche all'Università di Perugia. Tecnico e dirigente di associazioni sportive in Liguria, è originario per via paterna di un piccolo borgo dei Monti Sibillini e risiede per gran parte dell'anno in Umbria. Collaboratore del Perugia Free Press dal 2009, si occupa di temi socio-politici con una particolare attenzione all'altro lato, quello nascosto o volutamente sottaciuto, dei fatti di cronaca non solo locale. Collabora con lo studio giornalistico Consulpress nel web content management. Ha esperienza come consulente web development e account.