Firmato l’Accordo tra Ministero, Regione, Provincia, Comune di Perugia e Accademia di Belle Arti per l’avvio alla statizzazione

0
968

Mismetti: “ La Provincia metterà a disposizione dell’Accademia i locali di via della Tornetta appena ristrutturati”

PERUGIA – Una delle tappe di oggi della ministra Valeria Fedeli in Umbria ha coinvolto l’Accademia di Belle Arti dove è stato firmato l’accordo di programma, stipulato per il triennio accademico 2016/17 – 2017/2018 – 2018/19, finalizzato a individuare un percorso preordinato all’avvio di una graduale statizzazione dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”. Una firma storica questa, ha ricordato il capo del dicastero dell’Istruzione, perché l’Accademia Pietro Vannucci è la prima, in ordine di tempo, ad intraprendere la via della statizzazione, poi verranno Genova e Verona. L’accordo è stato sottoscritto, oltre che dal Ministero, dal Presidente della Provincia Nando Mismetti, dalla presidente della Regione Catiuscia Marini, dal sindaco del comune di Perugia Andrea Romizi e dal Presidente dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” Mario Rampini.

fedeli

A seguire il partecipato incontro sono stati i due consiglieri provinciali Erika Borghesi e Federico Mascioli. Nel suo intervento Mismetti ha comunicato che “i locali in via della Tornetta, nel centro storico, sono appena stati ristrutturati e presto ci accorderemo con l’Accademia per rispondere alle loro esigenze di spazi, visto che hanno iscritti in aumento e nuovi corsi da mettere a disposizione degli studenti. La Provincia di Perugia, tra i soci fondatori dell’Accademia, ha sempre riconosciuto l’alto valore formativo e culturale della scuola,e nonostante le difficoltà degli ultimi anni ha sempre garantito il proprio contributo economico affinché l’Istituzione potesse svolgere al meglio il proprio importante ruolo a favore dei giovani artisti”. Nell’accordo il Ministero, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia e il Comune di Perugia si impegnano a garantire, ciascuna secondo le proprie possibilità, le risorse necessarie a questo processo di statizzazione dell’Accademia”. Forte è stato l’impegno da parte di tutti i firmatari che hanno ribadito l’importanza di questa prestigiosa Istituzione che da lustro a tutta l’Umbria. Qui i giovani hanno la possibilità di conoscere l’arte e di confrontarsi con i grandi maestri delle passate epoche. L’accademia sta provvedendo anche alla modifica del proprio statuto per avviarsi verso il percorso della statizzazione. Molto successo ha avuto al visita alla gipsoteca e pinacoteca dell’Accademia che custodisce copie di opere in gesso e preziosi quadri realizzati da professori e allievi che nell’800 hanno frequentato la prestigiosa Accademia di Perugia che al tempo era la più importante in quanto collocata nel cuore dello Stato Pontificio.

Redazione