Vertenza Nardi: “A fianco dei lavoratori per far ripartire il marchio”

0
99

Sulla vicenda interviene il segretario comunale di Città di Castello Marco Mearelli. “Siamo tutti coinvolti. È un’azienda che ha segnato la storia della comunità locale”

CITTA’ DI CASTELLO – “La vertenza Nardi appartiene a tutti e ci coinvolge direttamente per la storia, il ruolo sociale ed economico che questa prestigiosa azienda metalmeccanica ha svolto a livello comprensoriale, regionale e internazionale attraversando intere generazioni e famiglie. Siamo vicini anche noi ai lavoratori che in questi giorni, assieme ai sindacati e alle rappresentanze di fabbrica, stanno portando avanti una civile e decisa battaglia a difesa del posto di lavoro che per nessuna ragione dovrà essere messo a rischio da ristrutturazioni aziendali future che fanno riferimento alla nuova proprietà”. È quanto dichiarato dal segretario comunale del Psi di Città di Castello Marco Mearelli che condivide e sottoscrive “le iniziative di solidarietà annunciate e messe in atto da sindacati, istituzioni, parlamentari, forze politiche, gruppi organizzati di cittadini e dalla chiesa attraverso un recente appello del vescovo diocesano”. “Bene hanno fatto i sindaci dei due Comuni maggiormente coinvolti in questa vicenda, Luciano Bacchetta e Paolo Fratini – precisa Mearelli – a richiedere la convocazione di un tavolo rappresentativo di tutti i soggetti istituzionali, sindacati e privati, preposti a ricercare con i rappresentanti della nuova proprietà dell’azienda soluzioni tese prima di tutto alla immediata corresponsione degli stipendi arretrati e spettanze di legge a ogni livello e poi alla definizione di un piano industriale certo, con finanziamenti adeguati per far ripartire un’azienda e un marchio che hanno ancora grande penetrazione nei mercati nazionali e internazionali. Noi ci saremo a fianco dei lavoratori e delle loro famiglie per dare il nostro contributo a una causa comune, di una grande azienda, orgoglio e vanto di un territorio vocato alla laboriosità e capacità imprenditoriale riconosciute da tutti”.

AVInews