Un nemico invisibile

0
579

Non c’è giorno che trascorra senza avvenimenti bui

son recenti gli attentati sia nel Belgio che in Turchia

o in paesi che a fatica cercan la Democrazia.

Ci son cellule dormienti ben nascoste anche in Europa

pronte ad attirar proseliti con più scopi disastrosi.

Giungon anche nei barconi con la forte immigrazione

che permette spostamenti per trovar destinazione.

Questa gente non ha scrupoli: “son automi indottrinati”.

Quanta verità scriveva nei suoi libri “ la Fallaci”!

Ma possibile che i problemi di paesi già agitati

non facessero pensare a tragedie nel futuro?

Si son messi i paraocchi e l’ovatta nelle orecchie

governanti di paesi che han sfruttato situazioni

trascinando i loro popoli tra disastri e distruzioni.

Or di questo mal gestire e profitto sottobanco

Ogni popolo d’Europa si rivela molto stanco.

La paura d’attentati su dei luoghi designati

ed ancor la convivenza con stranieri che han pretese

fa inasprir le situazioni e c’è chi ne fa le spese.

Or l’Europa si risvegli, resti unita nell’agire

basta con la tolleranza, si dimostri autorità

con più strategia ed azione per non perder “LIBERTA’”.

Pasquina

CONDIVIDI
Articolo precedenteGuasticchi su moschea: “stavolta si è veramente passato il segno”
Articolo successivoItalia Nostra: Progetto “Centopiazze”
Perugina D.O.C. e amante della propria città, ha alternato il lavoro di funzionaria di un Ente Pubblico, alla passione per la pittura e per la scrittura. Fu seguita fin da ragazzina, da Gerardo Dottori amico da tempo della famiglia Ricci. Inizia le prime mostre negli anni '80 con successo, come testimoniano le varie recensioni positive circa le sue opere. In seguito diventa collaboratrice del giornale "Free-Press" con lo pseudonimo di "Pasquina la Perugina" dove, con le sue rime, pone in rilievo l'incongruenza e la negatività dei vari settori sociali ed amministrativi. Ha pubblicato anche vari interessanti e curiosi articoli sugli amici animali. A seguito delle numerose richieste, ora la voce di "Pasquina" torna a farsi sentire.