“Turista se vuoi risparmiare… in centro, è meglio urinare”

0
998

di Maurizio Vignaroli

Bagno pubblico tariffa 1,00 euro

Come i grandi economisti ci insegnano la ripresa dell’inflazione potrebbe essere un segnale dell’iniziale uscita da anni di crisi economica. A ben guardare in effetti anche a Perugia si cominciano a vedere i primi segnali. In particolare nel settorre delle “acque”.
Se ad esempio, confrontiamo il prezzo di una bottiglietta di acqua minerale da 1/2 litro acquistata al bar possiamo constatare che nel giro di pochi mesi è lievitato da 80 centesimi ad 1,00 euro pieno (stessa acqua e stesso bar).
Approfondendo poi ulteriormente la ricerca notiamo, con una certa sorpresa, che per fare “plin plin” e smaltire lo stesso quantitativo di acqua la tariffa di alcuni bagni pubblici è “schizzata” a + 100% passando dai tradizionali e già cari 50 centesimi a 1 euro ad esempio nei bagni della stazione Fontivegge (per inciso ricordo che ai miei tempi i vespasiani erano gratuiti).
Dunque fatti i conti, lo stesso 1/2 litro di acqua ci costerebbe 1 euro per assumerlo e un altro euro per espellerlo?

Bagno pubblico tariffa 0,50 euro

Indubbiamente il fenomeno dal punto di vista “macroeconomico” non può che farci tirare un sospiro di sollievo, per fortuna sono ancora molti i turisti che a Perugia non possono fare a meno di utilizzare i bagni della stazione, ma per spirito di accoglienza vorrei comunque segnalare loro che, udite… udite… per la metà del prezzo, ovvero 50 centesimi, si offre lo stesso servizio e in un locale esclusivo del centro, per la precisione in via Boncambi.
Vuoi mettere la soddisfazione di farla in centro storico e addirittura a prezzo di saldo? Lo slogan nasce quasi spontaneo: “Turista a Perugia, se vuoi risparmiare… in centro, è meglio urinare”

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’isola che… c’è!
Articolo successivoScoperta acqua salata su Marte
Nato a Perugia, filosofo per licenza universitaria, dal 1992 al 2002 ha collaborato con l'edizione umbra de La Nazione. Iscritto all'albo dei giornalisti nel 1993 sceglie di condividere opinioni libere ed indipendenti e nel 2003 fonda con Armando Vignaroli il periodico Free Press - Libera Stampa. Direttore responsabile di Free Press - Libera Stampa, curatore di perugiafreepress.com e occasionecasa.com. Dal 2014 fa parte dello studio giornalistico Consulpress.