Ritorno alla… “Terra”

0
471

Questa nostra società che oggi offre sempre meno,

fa partire molti giovani e chi resta è un pò sbandato

senza forza di reagire, perché più disorientato.

Poi la crisi ha dato il colpo ad un’economia malata

seguitando poi, con l’Euro, abbiam preso la stangata!

Ma qualcuno con coraggio, ricomincia dallo zero…

perché è stanco della gente che gli fa pensare nero!

E’ recente la notizia ed assume consistenza,

che la Facoltà d’Agraria ha aumentato le iscrizioni

e ci son molti ragazzi che con grande iniziativa,

stan tornando alla “campagna” ed a una vita genuina.

Iniziando allevamenti, stanno aprendo caseifici poi,

operando in più settori, hanno aggiunto attività,

dedicando molto tempo alla terra ed agli animali,

con lavori faticosi che non hanno certo orari.

Sono liberi di agire, dare sfogo all’intuizione

reinventando altre culture con successo ed emozione.

Ecco allor lo zafferano e le piante officinali,

le patate piccoline, le verdure variegate ed i frutteti ben curati.

Cavo tanto di cappello, a chi d’animo non si perde, ad i giovani decisi,

che con tanta iniziativa, oggi affrontano la vita per non perder la “partita”.

di Pasquina

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl re è nudo
Articolo successivoGiornalista perugino in finale al concorso letterario “Argentario 2018”
Perugina D.O.C. e amante della propria città, ha alternato il lavoro di funzionaria di un Ente Pubblico, alla passione per la pittura e per la scrittura. Fu seguita fin da ragazzina, da Gerardo Dottori amico da tempo della famiglia Ricci. Inizia le prime mostre negli anni '80 con successo, come testimoniano le varie recensioni positive circa le sue opere. In seguito diventa collaboratrice del giornale "Free-Press" con lo pseudonimo di "Pasquina la Perugina" dove, con le sue rime, pone in rilievo l'incongruenza e la negatività dei vari settori sociali ed amministrativi. Ha pubblicato anche vari interessanti e curiosi articoli sugli amici animali. A seguito delle numerose richieste, ora la voce di "Pasquina" torna a farsi sentire.