Preliminari Europa League, per le squadre di San Marino trionfo e beffa in pochi minuti

0
32
Il Tre Fiori F.C.

Il Tre Fiori è la prima squadra del Titano a superare il turno in una competizione europea. Pochi istanti dopo il ‘dramma’ sportivo della Folgore…

di Matteo Bianchini

Una serata storica che poteva trasformarsi in leggenda, quella di giovedì 5 luglio 2018, per il calcio sammarinese che come ogni anno tenta di portare i suoi valorosi club oltre il primo turno preliminare delle due principali competizioni europee della UEFA ossia Champions League ed Europa League.

Ci siamo spesso occupati delle Federazioni sportive dei piccoli Stati, sia quelli ufficialmente riconosciuti ed affiliati a FIFA e UEFA, sia quelli appartenenti alla N.F.-Board come il Principato di Seborga. Mai però era capitata una situazione come quella di quest’anno. Con La Fiorita, campione nazionale di San Marino, già eliminata dal quadrangolare di Gibilterra che in questa stagione stabiliva il vincitore del turno preliminare di Champions League, toccava infatti a Tre Fiori e Folgore tentare il primo storico passaggio del turno di una squadra del Titano in una competizione europea, in questo caso l’Europa League o ex Coppa Uefa.

Clamoroso il risultato della gara d’andata del Tre Fiori che al ‘Tullo Morgagni’ di Forlì, vista l’indisponibilità del ‘San Marino Stadium’ di Serravalle, superava 3-0 i gallesi del Bala Town ipotecando il passaggio del turno. Ottima partita anche per la Folgore che ad Andorra cedeva solo 2-1 ai padroni di casa dell’Engordany lasciando ampie possibilità di ribaltamento nella gara di ritorno prevista otto giorni dopo sempre a Forlì. Il gol segnato in trasferta avrebbe permesso infatti di gestire la gara in cerca di una vittoria per 1-0 più che sufficiente.

Folgore (in giallo) vs Engordany

E proprio così sarebbe potuto essere dopo un primo tempo equilibratissimo che si concludeva sullo 0-0 con l’altoparlante del ‘Morgagni’ ad annunciare la sconfitta di misura del Tre Fiori in Galles con la quale i sammarinesi difendevano comunque il 3-0 dell’andata e si laureavano prima squadra del Titano a superare il turno di una competizione europea. Una serata storica che sembrava assumere i toni della leggenda al minuto 86 quando, dopo un palo clamoroso ed un paio di episodi dubbi nell’area andorrana, la Folgore si portava in vantaggio con Sacco di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo generosamente concesso dal portiere ospite Jesus Coca. La gara arrivava immediatamente ai cinque palpitanti minuti di recupero nell’ultimo dei quali la Folgore falliva il raddoppio trovandosi praticamente con due propri giocatori davanti all’estremo difensore andorrano. Sul capovolgimento di fronte, proprio all’ultimo secondo di gioco, complice un probabile fallo sullo stesso Sacco non sanzionato dall’arbitro ceco Proske, uno spiovente in area causava un rinvio errato della difesa di casa con la sfera che terminava clamorosamente nel sette della propria porta facendo esplodere l’esultanza degli ormai increduli giocatori dell’Engordany. Il fischio finale arrivava col pallone ancora rotolante nella rete, situazione che si era vista solo in alcuni episodi di Holly e Benji.

Indescrivibile l’atmosfera calata subito dopo sullo stadio di Forlì con i cumuli temporaleschi che per tutto il giorno avevano minacciato la Romagna ormai inghiottiti dal buio a fare da sfondo ai giocatori di casa rimasti a terra per diversi minuti ed inutilmente rincuorati dagli andorrani che uscivano dal campo fra gli applausi dello sportivissimo pubblico sammarinese come di consueto fantastico nell’omaggiare poco dopo anche i propri ragazzi arrivati ad un solo secondo dal sogno…

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl popolo della montagna applaude Angelo Branduardi
Nato a Sanremo (Imperia) si è laureato in Geografia all’Università di Genova ed ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze Biologiche all'Università di Perugia. Tecnico e dirigente di associazioni sportive in Liguria, è originario per via paterna di un piccolo borgo dei Monti Sibillini e risiede per gran parte dell'anno in Umbria. Collaboratore del Perugia Free Press dal 2009, si occupa di temi socio-politici con una particolare attenzione all'altro lato, quello nascosto o volutamente sottaciuto, dei fatti di cronaca non solo locale. Collabora con lo studio giornalistico Consulpress nel web content management. Ha esperienza come consulente web development e account.