La Grande guerra e la rivoluzione proletaria

0
582

La Storia si studia e non si giudica! E’ partendo da questo assioma che forse si potranno interpretare tutti i movimenti d’opinione, le passioni, i cambiamenti di schieramento che interessarono persone magnifiche, forti (e non meschinamente e tartufescamente, all’italiana, furbe, come tristemente recitano troppi luoghi comuni da tempo immemorabile), alla Filippo Corridoni, uno dei maggiori esponenti dell’interventismo sindacalista, socialista, anarchico e repubblicano. Nonostante la sua salute fosse minata dalla tisi, si arruolò volontario e il 25 ottobre 1915 all’assalto della Trincea delle Frasche, sul Carso, fu colpito a morte. L’attendista e scaltro politico Mussolini, cui non difettò il valore in battaglia, era comunque di tutt’altra pasta, come si evincerà anche da questa lettura. Un altro attore di quegli anni, Alceste De Ambris, prima disertore, poi volontario nella Grande guerra, simpatizzante del Fascismo, con la speranza di causarne una frattura a sinistra, nè divenne un fiero oppositore e, a proposito di Corridoni, accusò il Duce di “appropriazione indebita di cadavere“, perchè cercò di sfruttarne la sua enorme eredità morale e politica. Non c’è un solo personaggio banale nell’elenco emergente dall’opera del professor Fabei, ma, anche perchè donna e fondatrice assieme a Corridoni del foglio antimilitarista “Rompete le righe“, Maria Rygier assume i contorni di eccezionale straordinarietà pure per gli stridenti cambiamenti di fronte che effettuò in una quindicina di anni appena. Da anarchica ad interventista convinta contro i “carnefici di Oberdan”, gli Asburgo, da redattrice de “Il Popolo d’Italia” a fiera denigratrice del collega Mussolini poco tempo dopo, addirittura accusandolo in un opuscolo di essere stato confidente della polizia e dei servizi segreti transalpini in funzione antimilitarista e neutralista, per danneggiare la Germania. E ce ne sono ancora a bizzeffe di contraddizioni in carne ed ossa che hanno fatto letteralmente la Storia con la loro vita in quest’ultimo sforzo del bravo Fabei, che ci offrono un quadro umano e politico di primissima qualità, riscattanteci dal velo di meschinità che, come una cappa di piombo, sembra avvolgere senza via di uscita il nostro presente nazionale. Personalmente, da questa coinvolgente e scorrevole lettura, nè traggo la speranza più viva che non sia necessaria un’altra mattanza mondiale per ridare dignità al nostro Paese.

“La Grande guerra e la rivoluzione proletaria”, in edibus, Euro 18,00.

Leandro Raggiotti

CONDIVIDI
Articolo precedenteIn nome della partitocrazia sovrana!
Articolo successivoEurochocolate: 22esima edizione tra degustazioni, show cooking e laboratori per bambini
Conseguii la Maturità scientifica nel 1972, un Attestato da Analista programmatore nel 1975 e un altro Diploma, inutilissimo sotto ogni punto di vista, escluso quello della conoscenza, avendo goduto dell'insegnamento di professori a livello internazionale, ottenuto presso la scuola Teologica di Montemorcino, Perugia. Sposato con Elsa Maria Isabel Olvera del Toro, padre di Elisabetta e Stefano Daniele, di Lucrezia Valentina, morta a quasi 28 anni d'età il 06/02/2013, e di Anselmo e Rinaldo, mai venuti alla luce nel 1974. Ho anche un nipote, Nicolò, nato nel 2000. Dal 01/01/2016 non sono più impiegato in Provincia con la qualifica di Operatore faunistico, nonchè addetto all'anagrafe "Richiami vivi", e a 62 anni di età sono stato sbattuto via come un vecchio straccio a farla da passacarte in un altro Ente all'insegna di : "tutto ciò che funziona nel pubblico deve essere smantellato". A scanso d'equivoci e ad esclusivo beneficio dei soliti “rosiconi”, comunque, per il mio primo mezzo secolo di vita sono stato impegnato con, nel e per il settore privato. Fervente cristiano cattolico, aperto all'ecumenismo, ma fiero avversario dei nostri nemici nella Fede, sono un cacciatore-conservazionista, amo i viaggi, i libri di storia e la corsa, che pratico tuttora in compagnia del mio adorato Taz in ore antelucane e per le vie della nostra Perugia, minimo tre volte alla settimana, eccetto che a stagione venatoria aperta.