Controlli dello stato antisismico nelle scuole

0
299

In Consiglio discussa la mozione di ‘Provincia Civica’ che chiede maggiori verifiche

PERUGIA – “Nuovi controlli e verifiche dello stato antisismico delle strutture scolastiche di competenza della Provincia di Perugia”. La richiesta, contenuta in una mozione presentata dal consigliere provinciale di ‘Provincia Civica’ è stata discussa nel corso dell’ultimo Consiglio.

“Si tratta di una mozione che presenta delle criticità – ha detto il vice presidente dell’Ente – perché se oggi andassimo ad analizzare tutte le scuole, e non solo quelle di competenza provinciale, sicuramente ne troveremmo pochissime a norma. Per intervenire su tutte le scuole la Provincia non ha i mezzi sufficienti per farlo. Bisogna dire che a fronte dei sopralluoghi effettuati si evidenzia che gli edifici hanno retto abbastanza bene”. Il consigliere di ‘Provincia Civica’ ha replicato che su 130 scuole, solamente 20 risultano a norma.

Sull’argomento è intervenuto anche il Presidente dell’Ente “vista l’importanza e la delicatezza dello stesso”. Il capo dell’amministrazione ha parlato del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 ottobre 2015 che definisce “innovativo” nei contenuti poiché non si parla più di ‘adeguamento’ sismico, ma di ‘miglioramento’, ciò sta a significare che sta cambiando la cultura nel costruire che si va nella direzione della convivenza con il sisma. Però – continua il presidente – il decreto prevede che non si possa intervenire su tutti gli edifici, ma limitare le verifiche ai territori investiti. Per quanto ci riguarda – ha concluso – dobbiamo chiedere alla Regione che si faccia promotrice presso il Governo nazionale per un’attività di programmazione che si snoda in un arco temporale di 10 anni, partendo dalle situazioni che presentano maggiori rischi”.

Redazione