Cittadino col metal detector ritrova calici da messa

0
420

PERUGIA – Nei giorni scorsi i poliziotti della Volante sono intervenuti in una zona
boschiva periferica della città, al confine con Marsciano, per una singolare
segnalazione, pervenuta al 113 da un cittadino che aveva rinvenuto della
refurtiva.
Sul posto gli agenti prendevano contatti con il richiedente, il quale
riferiva di avere l’hobby della ricerca di metalli in zone di campagna con il
metal detector e che, durante le sue ricerche, aveva trovato in un bosco,
sotterrato, un sacco di plastica contenente oggetti in metallo.
I poliziotti constatavano che nel sacco erano custoditi 5 calici da messa
completi, un tronco di calice, una porzione superiore di calice, tre basamenti di
calice, nonché altre parti di calici ed un ostensorio, tutti in metallo ossidato ed
in cattivo stato di conservazione.

L’ipotesi investigativa è che gli ignoti autori del furto si siano successivamente resi conto che gli oggetti rubati non erano preziosi, ma di semplice metallo, ed abbiano quindi deciso di disfarsene seppellendoli in un bosco.
Proseguono le attività di indagine, in concorso con i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Artistico, al fine di individuare il luogo sacro dal quale i calici e gli altri oggetti, utilizzati per la messa, siano stati rubati.
Gli oggetti rinvenuti venivano sottoposti a sequestro, a disposizione
dell’Autorità Giudiziaria.

Redazione

fonte: Perugia Questura Rel. Esterne