Assessora Cecchini, io e Taz disobbediamo!

0
598
foto: sites.google.com

Egregia Assessora all’agricoltura della Regione Umbria, signora Fernanda Cecchini,
a me e a Taz, il mio socio a quattro zampe in avventure di caccia, piace vincere facile. In effetti, quando il 17 luglio 2015, pronosticammo che al 20 di gennaio 2016 avremmo trovato la sgradita conferma alle nostre già da allora certezze circa la chiusura della caccia a tordo bottaccio,cesena e beccaccia, non facemmo altro che raccontare il finale della farsa in cui siamo oramai da troppo tempo impantanati, ben conoscendo chi (…) ci rappresenta. A conferma di ciò, non faccio altro che riproporle la parte finale di quell’articolo, spedito a diversi mezzi di informazione a quella data:
Un’ultimissima nota, però, gentile signora, gliela dobbiamo inoltrare. Quando a gennaio 2016, a dieci giorni dalla chiusura definitiva di stagione, il solito ministero interverrà sospendendo la caccia alle stesse tre specie borseggiateci appena sei mesi fa, tra cui la beccaccia, io ed il mio fido Taz, avendo stipulato un effettivo contratto con le controparti Stato e Regione, al momento dell’atto dei dovuti versamenti, non accetteremo un’altra rescissione unilaterale  di quegli impegni da parte vostra e ci consideri, allora, da subito, immancabilmente inseriti nella schiera dei disobbedienti.” Se vorrà verificarne la veridicità, di quanto affermo, può controllare il testo cui faccio riferimento, qui sotto riportato.
Insomma, questa ennesima scorrettezza perpetrata a danno di noi nembrotti, assommata all’atteggiamento persecutorio assunto dalle Questure, porterà a migliaia di ulteriori defezioni. Se si considera che la caccia fa parte delle nostre inestirpabili radici agropastorali, non solo si sta producendo un considerevole danno economico agli operatori del comparto armiero, ma si sta volutamente(?) disgregando quel residuo di importante memoria storica, cui anche le Istituzioni dovrebbero tenere. Che dire inoltre? Che continuerò a “saltare” qualsivoglia associazione di categoria, stipulando una copertura assicurativa per conto mio e che mi rifugerò ancor più convintamente nel mio solitario mondo antico, ma tuttavia incredibilmente attuale, perchè, checchè ne dicano i nostri acerrimi nemici, l’uomo è e rimarrà cacciatore per la sua intrinseca natura. Una preghiera finale, gentile signora Assessora Cecchini: negli incontri pubblici, quando chi ne sa più di lei la esorta a non ripetere gli errori del passato, non risponda con frasi del tipo : “…anche il Papa ha detto che si può sbagliare fino a tre volte!”. Se chi l’ha elettoralmente sostenuta inizierà finalmente a pensarla come il sottoscritto, lei dovrà trovarsi un’occupazione adeguata alle sue reali conoscenze, e, per favore, non si inizi lo squallido giochetto dello scaricabarile delle responsabilità, che sono tutte obiettivamente di chi redige il nostro insulso calendario venatorio regionale.
E stavolta l’abbaio sempre festoso nel saluto di Taz si è trasormato in un “preoccupante ringhio”, cui aggiungo sconsolatamente il mio.

Leandro Raggiotti

CONDIVIDI
Articolo precedenteUmberto Palumbo: “l’Arte come imitazione del reale”
Articolo successivoPerugia canta e ricanta
Conseguii la Maturità scientifica nel 1972, un Attestato da Analista programmatore nel 1975 e un altro Diploma, inutilissimo sotto ogni punto di vista, escluso quello della conoscenza, avendo goduto dell'insegnamento di professori a livello internazionale, ottenuto presso la scuola Teologica di Montemorcino, Perugia. Sposato con Elsa Maria Isabel Olvera del Toro, padre di Elisabetta e Stefano Daniele, di Lucrezia Valentina, morta a quasi 28 anni d'età il 06/02/2013, e di Anselmo e Rinaldo, mai venuti alla luce nel 1974. Ho anche un nipote, Nicolò, nato nel 2000. Dal 01/01/2016 non sono più impiegato in Provincia con la qualifica di Operatore faunistico, nonchè addetto all'anagrafe "Richiami vivi", e a 62 anni di età sono stato sbattuto via come un vecchio straccio a farla da passacarte in un altro Ente all'insegna di : "tutto ciò che funziona nel pubblico deve essere smantellato". A scanso d'equivoci e ad esclusivo beneficio dei soliti “rosiconi”, comunque, per il mio primo mezzo secolo di vita sono stato impegnato con, nel e per il settore privato. Fervente cristiano cattolico, aperto all'ecumenismo, ma fiero avversario dei nostri nemici nella Fede, sono un cacciatore-conservazionista, amo i viaggi, i libri di storia e la corsa, che pratico tuttora in compagnia del mio adorato Taz in ore antelucane e per le vie della nostra Perugia, minimo tre volte alla settimana, eccetto che a stagione venatoria aperta. E però, dallo scorso 13/07/2016, la Questura di Perugia, su mandato del Consiglio di Stato e del Ministero degli Interni, non m'ha rinnovato la Licenza di Porto di fucile per uso di caccia, che detenevo dal 1969. Tutto per un fatto occorsomi "appena, appena" il 07 giugno 1985 e per il quale avevo ottenuto la Riabilitazione il 26 marzo 1992. Un'ennesima, vessatoria umiliazione da parte di uno Stato (una sottospecie di Re Mida alla rovescia : tutto ciò che tocca lo trasforma in m....) che si rimangia le sue stesse Sentenze. Alla luce di questo incredibile ed increscioso arbitrio, quindi, dal giorno dell'Apertura io e Taz ce ne andiamo in "esplorazione" senza fucile.