Aldo Capitini affronta il mistero della vita: la scelta vegetariana

0
329
foto: routedesvoyages.fr

PERUGIA – “Aldo Capitini affronta il mistero della vita: la scelta vegetariana” è il titolo della relazione che Massimo Pomi terrà all’Associazione Porta Santa Susanna per il ciclo “Santi e Diavoli…e gente comune”.

Pomi fa parte di quella generazione di giovani interpreti del pensiero del filosofo della nonviolenza che, raccolti attorno a Giuseppe Moscati, hanno dato vita ad una interessante e poliforme giornata di studio e alla pubblicazione dei contributi relativi. Il suo intervento ha ripercorso le tappe del pensiero capitiniano, dalla religione primigenia mediterranea della Madre Terra al concetto di compresenza, che unisce nella produzione collettiva dei valori tutti gli esseri viventi. Umani, animali e vegetali vengono a far parte integrante di tale processo, il che consente non solo di attribuire una dignità ineliminabile a ciascuno di essi, ma anche di superare quella dicotomia fra il regno dei vivi e quello dei morti che ha dominato il pensiero occidentale dall’epoca omerica ai nostri giorni. Il relatore sarà introdotto da Mario Martini, esponente della prima generazione di studiosi capitiniani.

La conferenza, e il successivo dibattito, si svolgeranno presso la sede dell’Associazione, in via Tornetta 7 (adiacente al Parcheggio Pellini) venerdì 3 febbraio alle ore 21.

Il consueto momento conviviale ed amicale concluderà la serata. L’ingresso è libero, tutti sono cordialmente invitati.

Redazione